I PERCORSI E I MEZZI DI TRASPORTO

Visto che ho dedicato un intero lavoro individuale ai percorsi, oggi mi concentro sui mezzi di trasporto. Per mezzo di trasporto si intende tutto ciò che viene utilizzato per il trasferimento di cose, animali e persone da un luogo ad un altro. La storia dei mezzi di trasporto ha seguito quella dei mezzi di comunicazione fino al XIX secolo, quando l’invenzione del telegrafo ha reso indipendente la comunicazione dai mezzi di trasporto fisici.
I mezzi di trasporto possono essere classificati in base alla tipologia di utilizzo e all’ambiente in cui è destinato a muoversi. Possiamo individuare quattro categorie:

mezzo di trasporto su terra: carro, treno, automobile, metropolitana, tram, funicolare, autobus, bicicletta, motoveicolo, filobus

mezzo di trasporto acquatico: nave, battello, barca a vela, sommergibile, aliscafo, canoa, traghetto, vaporetto, motoscafo

mezzo di trasporto aereo: aeroplano, elicottero, aerostato, aliante, deltaplano, dirigibile, mongolfiera, pallone aerostatico

mezzo di trasporto spaziale: veicolo spaziale, razzo spaziale, space shuttle, sonda spaziale.

Tra i più antichi mezzi di trasporto figurano piroghe (dal V millennio a.C.) e carri a ruote piene (tardo IV millennio a.C.) risalenti al Neolitico. In epoca romana il trasporto di beni di largo consumo su carri a trazione animale e su imbarcazioni presuppose la creazione di una rete di strade carrozzabili e di luoghi di deposito lungo le Idrovie. Nel periodo che va dall’epoca romana a quella moderna, il Traffico di transito attraverso l’Altopiano e i Valichi svizzeri. comportò lo sviluppo di locande, Soste, Ponti e Traghetti lungo le vie di percorrenza. Fino alla fine del XVIII sec. i mezzi di trasporto furono azionati da uomini e animali oppure sfruttarono il vento, le correnti e la forza di gravità. Nel XIX sec. il legno costituiva ancora la principale materia prima per la costruzione – eseguita artigianalmente – di imbarcazioni e veicoli.
Dal XIX sec. le macchine semoventi e l’impiego di nuove fonti energetiche (carbone, petrolio e corrente elettrica) rivoluzionarono i mezzi di trasporto. Alle Macchine a vapore seguirono i battelli a vapore, che comparvero sui Laghi svizzeri nel 1820-30; dalla metà degli anni 1840-50 iniziarono a circolare locomotive a vapore con vagoni passeggeri e merci sulla rete ferroviaria elvetica in rapida crescita. Dalla fine del XIX sec. i motori a combustione interna permisero di costruire le prime motociclette e automobili, mentre negli anni 1910-20 gli svizzeri iniziarono a volare con aerei a elica. I combustibili fossili si affermarono come fonti di energia, e servirono anche per la produzione di metalli e di materie plastiche. Dalla seconda metà del XIX sec. in Svizzera la produzione industriale si impose anche nel settore dei mezzi di trasporto. Nel XIX-XX sec. per l’economia svizzera assunsero grande importanza la fabbricazione di navi, di autocarri e in particolare di locomotive e vagoni; la costruzione di aerei e di macchine restò invece sempre marginale. I moderni mezzi di trasporto non soppiantarono di punto in bianco quelli tradizionali, ma li sostituirono piano piano. Con l’avvento delle ferrovie, ad esempio, i carri vennero dapprima utilizzati per gli spostamenti locali e solo dopo la prima guerra mondiale furono progressivamente soppiantati dai veicoli a motore. Se il periodo dalla fine del XIX alla metà del XX sec. può essere definito come l’era della ferrovia, la seconda metà del XX sec. costituisce l’epoca dell’automobile.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...